Come sarà la tecnologia fra 100 anni? Ce lo dice Samsung

Uno studio commissionato da Samsung dipinge un quadro vivo della nostra vita futura: il modo di vivere, lavorare e giocare cambierà in maniera irriconoscibile nel corso del prossimo secolo. Il Living Report SmartThings Future è stato scritto da un gruppo di studiosi di spicco e la relazione è stata rilasciata per promuovere il sistema SmartThings, che permette alle persone di rendere la casa più intelligente, il che significa che in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo sarà possibile accendere le luci, alzare il termostato o sbloccare la porta sul retro, il tutto tramite una semplice applicazione o automaticamente attraverso la routine quotidiana, una cosa che poteva sembrare fantascienza solo 10 anni fa ma che oggi è realtà.

Molte delle previsioni sono influenzate dalle condizioni ambientali, con una popolazione in crescita che porta allo sviluppo di strutture più in grado di far fronte ai vincoli di spazio e alle risorse in diminuzione. Ci saranno super grattacieli, città sotterranee e subacquee, droni volanti in sostituzione delle automobili.

Dal punto di vista della tecnologia, invece, Samsung prevede:

  • la possibilità di stampare in 3D le case e i mobili: saremo in grado di stampare delle repliche esatte di strutture di grandi dimensioni come le case su materiali riciclabili, in modo da poter avere davvero tutte le comodità di casa mentre siamo via;
  • muri intelligenti flessibili, il che significa che non sarà necessario decorare la casa in quanto le superfici della stanza si adatteranno al proprio umore;
  • incontri virtuali: la nostra vita lavorativa sarà completamente trasformata con l’uso degli ologrammi, che ci permetteranno di partecipare alle riunioni virtualmente senza lasciare il comfort delle nostre case;
  • la colonizzazione dello spazio: rima la Luna e poi Marte, poi ancora ben al di là nella galassia.

Oltre a immaginare come vivremo tra 100 anni, il team di SmartThings ha esaminato anche 2.000 adulti britannici chiedendo loro che cosa si immaginano dal futuro. L’indagine ha portato alla ribalta la percezione pubblica del futuro come una crescita del numero di grattacieli sempre più alti e della colonizzazione degli oceani, mano a mano che lo spazio e le risorse diventeranno scarse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *